Esercizio di visualizzazione rilassante (Usa l'immaginazione per sentirti bene)

Impara a concentrare la tua attenzione su un'immagine interiore piacevole.

Per esempio, anche adesso, pensa a una cascata di acqua fresca in alta montagna.

L’hai immaginata?

Bene.

Come ti fa sentire?

È piacevole?

Continua a pensare a questa cascata e ora immagina di poterla muovere dove vuoi, nello spazio. Immagina questa cascata di acqua fresca dentro di te, in corrispondenza del tuo addome. Fresca, fluida, rigenerante. Immagina che stia sgorgando dall'interno all'esterno, scorrendo lungo tutto il tuo corpo.

Rilassati. Senti la sensazione piacevole del flusso d'acqua.

Nel frattempo regola il tuo respiro: respira lentamente.

Ora l'acqua da fresca diventa un po' più calda. Adesso è tiepida, e molto rilassante.

Ogni volta che ti senti un po’ agitato, puoi partire da qui, da questa cascata di acqua fresca o tiepida che ti rilassa e ti fa sentire meglio. Esercitati per qualche minuto, ogni giorno. Bastano davvero pochi minuti per evocare la sensazione rilassante. Non pensare troppo ai dettagli della visualizzazione. Una volta che la sensazione rilassante è stata percepita, hai raggiunto il tuo obiettivo.

Fai leva sul respiro lento e profondo in modo da rilassarti meglio.

All'inizio puoi prendere spunto da un filmato con audio rilassante come il seguente.

L'ideale però sarebbe utilizzare solo la tua immaginazione, in modo da sfruttare al meglio il potere della tua mente. In tal modo fai leva sugli stimoli indotti da te e dipendi sempre meno dagli stimoli del mondo esterno. Appoggiandoti agli stimoli interni aumenti la tua autostima, la fiducia in te, la fiducia nella tua capacità di farti stare bene. Tu hai il potere di farti sentire bene o male. Perché non usare tale capacità per stare benissimo fin da subito?

Assieme o al posto dell'acqua puoi usare un altro elemento naturale. Pochi minuti di visualizzazione, dei respiri lenti e profondi, e poi continua pure la tua giornata.



Post recenti

Mostra tutti

Rituale preliminare recitato dai monaci tibetani: “Possano tutti gli esseri senzienti essere felici, liberi dalla sofferenza e dimorare nella serenità. Con il merito che proviene da tutti i miei atti